linkedinPx I Competence Center per lo sviluppo industriale del Sistema Paese - Noverim
I Competence Center per lo sviluppo industriale del Sistema Paese

I Competence Center per lo sviluppo industriale del Sistema Paese

I Competence Center per lo sviluppo industriale del Sistema Paese

L’espressione Competence Center appare per la prima volta il 21 settembre 2016, durante la presentazione del Piano Industria 4.0 pensato dal Ministero dello Sviluppo Economico per accompagnare e sostenere le imprese verso quella che è definita la quarta rivoluzione industriale.

Sono poli di eccellenza nati per realizzare attività di orientamento, formazione e progetti innovativi che possono essere d’aiuto alle imprese italiane.

L’obiettivo è unire tecnologie d’avanguardia al Made in Italy per incrementare la competitività del nostro Paese. I progetti si concentrano su diverse tematiche: dalla robotica, all’intelligenza artificiale, fino alla meccanica.

Scopo è mettere in moto la macchina del trasferimento tecnologico alle imprese, intercettare il mondo delle PMI a livello di filiera per accelerare la trasformazione digitale dei processi, prodotti e modelli di business del nostro tessuto economico e garantirsi la sostenibilità economica.

Di seguito sono elencati gli 8 i Competence Center (CC), con specificità in uno o più filoni dell’Industry 4.0, distribuiti in modo uniforme in tutto il territorio nazionale:

  1. MADE (Milano, Lombardia)

MADE, con capofila il Politecnico di Milano, è una fabbrica digitale e sostenibile che supporta le imprese manifatturiere nel percorso di trasformazione digitale verso l'Industria 4.0. Mette a disposizione un ampio panorama di conoscenze, metodi e strumenti sulle tecnologie digitali che spaziano dalla progettazione all’ingegnerizzazione, dalla gestione della produzione alla consegna, fino alla gestione del termine del ciclo di vita del prodotto. Grazie all'ampio demo-center da 2.500 mq localizzato nel distretto hi-tech della Bovisa, alle aule per la formazione e agli spazi per co-working e riunioni, rappresenta una soluzione unica nel suo genere. Lo speciale percorso di crescita verso la trasformazione digitale messo a punto si basa su queste tre fasi: informare e mostrare le tecnologie Industria 4.0, spiegare attraverso attività di formazione ad-hoc, trasferire e implementare attraverso progetti le soluzioni tecnologiche.

  1. CIM 4.0 (Torino, Piemonte)

Il cen­tro di com­pe­ten­za Com­pe­ten­ce Indu­stry Manu­fac­tu­ring 4.0 (CIM4.0) inten­de esse­re un sup­por­to stra­te­gi­co e ope­ra­ti­vo per le impre­se mani­fat­tu­rie­re orien­ta­te alla digi­ta­liz­za­zio­ne dei pro­ces­si indu­stria­li nel­l’ot­ti­ca dell’In­du­stria 4.0 (dal­la pro­get­ta­zio­ne alla pro­du­zio­ne, dal­l’R&D alla Sup­ply chain, dal­la sicu­rez­za alla Bloc­k­chain). Gra­zie ai pro­pri part­ner indu­stria­li (23 gran­di impre­se) e due gran­di cen­tri di ricer­ca per le com­pe­ten­ze tec­ni­co-scien­ti­fi­che (Poli­tec­ni­co e Uni­ver­si­tà di Tori­no) il Com­pe­ten­ce è dotato di due “linee pilo­ta”, tra­mi­te cui è soste­nu­ta la matu­ra­zio­ne tec­no­lo­gi­ca di pro­ces­si e pro­dot­ti inno­va­ti­vi, con­se­gnan­do alle impre­se (in par­ti­co­la­re, le PMI) una strut­tu­ra in gra­do di sem­pli­fi­ca­re e ren­de­re più com­pe­ti­ti­vo l’ap­proc­cio ai nuo­vi mer­ca­ti.

  1. SMACT (Padova, Veneto)

SMACT nasce nel Trivento raggruppando tutti gli stakeholder dei territori e oltre con capacità ed esperienza nella Digital Transformation, e vuole essere la piattaforma abilitante che permette all’intero sistema produttivo e sociale di affrontare il futuro e creare valore nel processo. Il Competence Center nasce per supportare le imprese e offrire tutti gli strumenti e le competenze adeguate a operare la trasformazione digitale. Solo in questo modo, le risorse economiche concesse possono essere utilizzate al meglio e permettere all’azienda di essere davvero competitiva nel mercato globale. A tal fine, vuole aiutare le aziende su quattro settori in particolare, che sono fondamentali per il Made in Italy: abbigliamento, arredamento, agroalimentare e automazione. Questi per crescere e diventare competitivi devono avvalersi delle cinque tecnologie Smact (social media, mobile, analytics e big data, cloud, Internet of things).

  1. START 4.0 (Genova, Liguria)

Le attività di START4.0 si concentrano su cinque domini applicativi: ENERGIA – TRASPORTI – IDRICO – PRODUZIONE – PORTO, attraverso l’applicazione e lo sviluppo di soluzioni che fanno riferimento ad un sottoinsieme di tecnologie abilitanti Industria 4.0 declinate rispetto a un’applicazione specifica, quella della protezione delle infrastrutture strategiche e della loro progettazione ottimizzata. Il Centro di Competenza svilupperà le proprie azioni riferendosi a tutte le possibili declinazioni della sicurezza, ovvero: Safety, Security e, ovviamente, Cyber Security.

  1. BI-REX (Bologna, Emilia-Romagna)

Il BI-REX (Big Data Innovation & Research Excellence) è capitanato dall’Università di Bologna, che per l’occasione collabora con altri tecnopoli regionali: l’Università di Modena e Reggio Emilia (Unimore), quelle di Ferrara, Parma e l’Università Cattolica. Inoltre, si avvale della collaborazione con il Cineca, l’INFN (Istituto nazionale di fisica nucleare) e il CNR. Il progetto si concentra sui big data, ma affronta anche altre tematiche: meccatronica, ingegneria biomedica, automotive, agrifood.

  1. ARTES 4.0 (Pisa, Toscana)

ARTES 4.0 nasce per associare Partner Universitari, Enti di Ricerca, Istituti di Formazione ad elevata qualificazione, Fondazioni, Enti del terzo settore, Società ed Enti no profit ma anche Associazioni e Aziende innovative al fine di fornire ai partner e all’industria (in particolare le PMI) tecnologie e servizi dedicati a rispondere ai loro bisogni mediante attività di Orientamento, Formazione, Progetti di Innovazione, Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale. La presenza di 10 Medie Imprese, 32 Piccole Imprese, 35 Micro Imprese e 17 Fondazioni/Enti del Terzo Settore/Società ed Enti no profit garantisce l’apertura dell’offerta di competenze del CC grazie all’apporto di partner caratterizzati da un elevato livello di dinamismo.

  1. CYBER 4.0 (Roma, Lazio)

Cyber 4.0 è il Centro di Competenza nazionale ad alta specializzazione dedicato alla Cybersecurity ed a sue specifiche declinazioni tematiche: E-Health, Automotive e Spazio. Con un partenariato pubblico-privato interdisciplinare realizza attività di orientamento, formazione, ricerca e innovazione. L’obiettivo è avviare percorsi di formazione, orientamento e progetti innovativi sulla sicurezza informatica, elaborando strumenti e strategie che possano aiutare imprese del territorio.

  1. MEDITECH (Napoli, Campania)

Meditech (Consorzio Meditech – Mediterranean Competence Centre 4 Innovation) è il Centro di Competenza che traguarda l’impiego delle Tecnologie Abilitanti di Industria 4.0 verso la diffusione di pratiche di innovazione nella produzione di beni e servizi sul territorio nazionale e in particolare sul bacino del Mediterraneo. Meditech promuove la filosofia di integrazione 4.0 in ambito nazionale e peculiarmente nel bacino del Mediterraneo, offrendo servizi di innovazione alle imprese attraverso metodi avanzati di formazione, orientamento e sviluppo progetti. (riproduzione riservata)

Simone Franceschetto

29 marzo 2021

numero-verde-mobile