linkedinPx

Tenuta elettronica dei registri IVA, stampabili su carta a scopo di verifica

Tenuta elettronica dei registri IVA, stampabili su carta a scopo di verifica

Secondo la legge 172/2017 di conversione del Dl 148/2017, è possibile formare e aggiornare elettronicamente i registri Iva senza la necessità di stamparli su carta, a meno che non ne venga fatta richiesta a scopo di verifica. Tali registri sono, infatti, considerati regolari anche se non trascritti su carta entro il terzo mese successivo alla presentazione della dichiarazione.
In sede di dichiarazione, i registri devono essere tenuti aggiornati sui supporti elettronici e deve essere possibile la stampa in presenza e sotto richiesta degli organi preposti alle verifiche.
La novità prevede solo la tenuta dei registri e non la loro conservazione. La tenuta deve essere fatta eseguendo alcune osservanze previste dalle norme civilistiche in riferimento alla tenuta di una ordinata contabilità ordinaria (art. 2219 Codice Civile). Una volta riportati su carta i registri elettronici, le annotazioni contenute diventano immodificabili e opponibili a terzi, in primis all’amministrazione finanziaria.
È necessario sottolineare che tale novità relativa alla tenuta dei registri elettronici, non materiali, a prescindere delle garanzie richieste ai fini della conservazione, è esclusiva per i registri IVA acquisti e vendite.

18 dicembre 2017

numero-verde-mobile