linkedinPx Nuove disposizioni antiriciclaggio. Sarà compito del MEF quantificare la sanzione. - Noverim

Nuove disposizioni antiriciclaggio. Sarà compito del MEF quantificare la sanzione.

Nuove disposizioni antiriciclaggio. Sarà compito del MEF quantificare la sanzione.

Con la circolare del 28 settembre 2017, in materia degli effetti delle nuove disposizioni antiriciclaggio entrate in vigore lo scorso 4 luglio (dlgs 90/17), il III Reparto Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza, ufficio tutela economia e sicurezza, chiarisce che è compito del MEF (Ministero dell'economia e delle finanze) dover quantificare la sanzione in caso di inosservanza sull’obbligo di segnalazioni sospette, secondo i dettami della nuova disciplina antiriciclaggio.
La necessità di tale chiarimento sorge a causa dei dubbi interpretativi rispetto alla violazione dell'obbligo di segnalazione di operazione sospetta.
Nella precedente normativa (dlgs 231/07) era prevista una sanzione amministrativa dall1% al 40% del valore dell'operazione segnalata. Le modifiche effettuate dal 4 luglio quantificano in euro 3.000 l'entità della sanzione, slegandola da parametri percentuali. Nei casi di violazioni gravi, ripetute o plurime, la sanzione viene applicata per un ammontare a partire da euro 30.000 fino ad euro 300.000, ulteriormente aumentata nei casi in cui le stesse violazioni producano un vantaggio economico.
In una circolare, la stessa GdF asserisce che «si sono svolti specifici incontri, a livello centrale, presso la direzione V del dipartimento del tesoro del ministero dell'economia e delle finanze, all'esito dei quali è stato convenuto che i militari operanti, in sede di verbalizzazione dell'infrazione di cui si tratta, si limiteranno negli atti compilati». Ciò significa che gli uomini della GdF non attueranno una quantificazione monetaria della sanzione. Dovranno, invece, ripercorrere, ricostruendo, i comportamenti giudicati illeciti su cui è basata la violazione contestata, specificando la normativa sanzionatoria applicabile al caso in questione. Sarà compito del MEF determinare la disciplina applicabile al caso in sede sanzionatoria.

30 ottobre 2017

numero-verde-mobile