linkedinPx

Elementi essenziali del modello organizzativo: individuazione dei rischi e sistema sanzionatorio

Elementi essenziali del modello organizzativo: individuazione dei rischi e sistema sanzionatorio

Il D. Lgs. n. 231/2001 definisce i requisiti che ogni azienda deve seguire nello svolgimento del proprio business.
Tale modello organizzativo ex D. Lgs. n. 231/2001 deve, infatti, prevedere: un codice etico; l’identificazione di attività nel cui ambito specifico si possono attuare dei reati; i protocolli diretti a prevenire tali reati; il controllo delle risorse finanziarie; gli obblighi di informazione dell’Odv, quale organo deputato a sorvegliare e vigilare sul funzionamento dei modelli; un sistema sanzionatorio per il mancato rispetto delle misure previste dal modello organizzativo.
Un modello organizzativo regolato secondo i criteri di certificazione ISO UNI EN 2001 si incentra, invece, sulla prevenzione degli infortuni e sulla valutazione della qualità del lavoro.
Recentemente, la Corte di Cassazione (Cass. n. 41768 del 13/09/2017) ha specificato che una certificazione ISO UNI EN 2001 non basta ad esonerare un ente dalla responsabilità per illeciti contro la Pubblica Amministrazione.
È necessario, dunque, un modello organizzativo ex D. Lgs. n. 231/2001 adeguato ed idoneo a prevenire atti indebiti quali: corruzione, truffe, appropriamento indebito di denaro, privilegi sul mercato attraverso conclusione o prosecuzione illegittima di contratti con la Pubblica Amministrazione.
Cosa ne pensi? Scrivi la tua opinione con un commento sul nostro sito e/o sulla nostra pagina LinkedIn.

04 ottobre 2017

numero-verde-mobile